Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

logotype

Un pastore stava pascolando il suo gregge di pecore, in un pascolo decisamente lontano e isolato quando all'improvviso vede avvicinarsi una BMW nuova fiammante che avanza lasciandosi dietro una nuvola di polvere.
Il guidatore, un giovane in un elegante abito di Versace, scarpe Gucci,occhiali Ray Ban e cravatta Yves Saint Laurent rallenta, si sporge dal finestrino dell'auto e dice al pastore: "Se ti dico esattamente quante pecore hai nel tuo gregge, me ne regali una?".
Il pastore guarda l'uomo, evidentemente uno yuppie, poi si volta verso il suo gregge e risponde con calma: "Certo, perché no?"A questo punto lo yuppie posteggia l'auto, tira fuori il suo computer portatile della Dell e lo collega al suo cellulare della AT&T. Si collega a internet, naviga in una pagina della NASA, seleziona un sistema di navigazione satellitare GPS per avere un'esatta posizione di dove si
trova e invia questi dati a un altro satellite NASA che scansiona l'area e ne fa una foto in risoluzione ultradefinita. Apre quindi un programma di
foto digitale della Adobe Photoshop ed esporta l'immagine a un laboratorio di Amburgo in Germania che dopo pochi secondi gli spedisce un' e-mail
sul suo palmare Palm Pilot confermando che l'immagine è stata elaborata e i dati sono stati completamente memorizzati. Tramite una connessione ODBC
accede a un database MS-SQL e su un foglio di lavoro Excel con centinaia di formule complesse carica tutti i dati tramite e- mail con il suo
Blackberry. Dopo pochi minuti riceve una risposta e alla fine stampa una relazione completa di 150 pagine, a colori, sulla sua nuovissima
stampante HP LaserJet iper-tecnologica e miniaturizzata, e rivolgendosi al pastore
esclama: "Tu possiedi esattamente 1586 pecore".
"Esatto. Bene, immagino che puoi prenderti la tua pecora a questo punto" dice il pastore e guarda il giovane scegliere un animale che si
appresta poi a mettere nel baule dell'auto. Il pastore quindi aggiunge: "Hei, se indovino che mestiere fai, mi restituisci la pecora?" Lo yuppie ci
pensa su un attimo e dice: "Okay, perché no?" "Sei un consulente" dice il pastore.
"Caspita, è vero - dice il giovane - come hai fatto a indovinare?" "Beh non c'è molto da indovinare, mi pare piuttosto evidente - dice il
pastore - sei comparso senza che nessuno ti cercasse, vuoi essere pagato per una risposta che io già conosco, a una domanda che nessuno ti ha
fatto e non capisci un accidente del mio lavoro. Ora restituiscimi il cane!"

Egregio Signor Giudice,
Ho visto perfettamente il segnale di limite di velocità: era bianco con bordo rosso e portava all'interno ben visibile la cifra 50, senza alcuna indicazione di unità di misura.
Lei ben sa che il Regio Decreto 23 agosto 1890, n. 7088 rende obbligatorio l'uso del Sistema Metrico Decimale in Italia e che la Direttiva del Consiglio CEE del 18 ottobre 1971 71/1354/CEE e modificata il 27 luglio 1976 (76/770/CEE), ratificata successivamente dal governo italiano, prevede l'obbligarietà di applicazione di tale sistema SI.
Orbene, per tale sistema metrico, le unità di misura da considerarsi sono, per la lunghezza, il metro e per il tempo, il secondo.
Di conseguenza, signor giudice, risulta evidente come l'unità di velocità debba legalmente considerarsi il metro al secondo. Nono oso neppure immaginare che il Ministero preposto non applichi le leggi della Repubblica.
Pertanto, per quanto sopra esposto, 50 metri al secondo corrispondono esattamente a 180 km/h. La Polizia afferma che la velocità della mia vettura, rilevata da apparecchiatura elettronica omologata - era di 177 km7h, e questo non lo contesto.
Semplicemente, faccio rilevare, viaggiavo a 3 km/h al di sotto del limite autorizzato. Per quanto sopra esposto, chiedo pertanto l'annullamento della contravvenzione e la restituzione della patente.
Distinti Saluti.

1)WHEN IT WANTS, IT WANTS
quanno ce vo' ce vo'
2)BUT MAKE ME THE PLEASURE
ma famme 'r piacere
3)DON'T EXTEND YOURSELF
nun t'allargà
4)BUT, FROM WHEN IN HERE?
ma da quando in qua?
5)THE SOUL OF YOUR BEST DEAD RELATIVES
l'anima de li mejo mortacci tua
6)THESE DICKS
'sti cazzi
7)NOT EVEN TO THE DOGS!
manco a li cani!
8)WHICH GOD TAXI DRIVER!
che Dio t'assista
9)BUT WHAT ARE YOU STAY TO MAKE?
ma che te stai a fa'?
10)BUT WHO MAKES ME MAKES IT
ma chi me lo fa fa'
11)RIGHT TO BE LIGHT
giusto pe' èsse chiari
12)BUT OF WHAT
ma de che
13)HOW DOES IT THROW?
come te butta?
14)I AM TIRED DEAD
so' stanco morto
15)WHO WIRES YOU!
te se fila!
16)WHO HAS BEEN SEEN, HAS BEEN SEEN
chi s'è visto s'è visto
17)TODAY IT'S NOT AIR
oggi nun è aria
18)BY FEAR!
da paura!
19)GIVE IT TODAY AND GIVE IT TOMORROW
daje oggi e daje domani
20)PLEASE RE-TAKE YOURSELF
aripìjate!
21)STAND IN THE BELL, LITTLE BROWN (DARK)
sta 'n campana, moré
22)STAY BEEF
stai manzo
23)I DON'T CARE OF LESS
nun me ne pò fregà de meno
24)WE ARE AT HORSE
semo a cavallo
25)THERE ISN'T TRIPE FOR CATS
nun c'è trippa pe' gatti
26)I'M SU HUNGRY THAT I DON'T SEE
c'ho 'na fame che nun ce vedo
27)ROMAN JUMP IN MOUTH
saltimbocca alla romana
28)GO TO DIE KILLED
vammorìammazzato
29)YOU ARE BASTARD INSIDE
sei bastardo dentro
30)YOU REJUMP ME
m'arimbarzi
31)IT DOESN'T MAKE A FOLD
nun fa 'na piega
32)I OPEN YOU IN TWO LIKE A MUSSELL
t'apro 'n due come 'na cozza
33)SPEAK LIKE YOU EAT
parla come magni
34)I'VE MY LEGS THAT ARE DOING JAMES JAMES
c'ho le gambe che me fanno giacomo giacomo
35)GIVE TO THE HEEL, GIVE TO THE TIP
daje de tacco, daje de punta
36)YOU GOT MUCH COMPLEX THAN THE FIRST MAY CONCERT!
c'hai più complessi tu ch'er concerto der primo maggio!
37)YOU ARE OUT LIKE A BALCONY
stai fòri come 'n barcone
38)THANKS, LITTLE THANKS AND THANKS TO THE DICK
grazie, graziella e grazie ar cazzo
39)YOU DON'T TAKE A STATION
non acchiappi 'na stazione!

1) BENE: questa e' la parola che usano le donne per terminare una
discussione quando hanno ragione e tu devi stare zitto.
2) 5 MINUTI: se la donna si sta vestendo significa mezz'ora. 5 minuti e' solo 5 minuti se ti ha dato appena 5 minuti per guardare la partita prima di aiutare a pulire in casa.

3) NIENTE: La calma prima della tempesta. Vuol dire qualcosa... e dovreste stare all'erta. Discussioni che cominciano con niente
normalmente finiscono in BENE.

4) FAI PURE: e' una sfida, non un permesso. Non lo fare.

5) SOSPIRONE: e'come una parola, ma un'affermazione non verbale per
cui spesso fraintesa dagli uomini. Un sospirone significa che lei
pensa che sei un'idiota e si chiede perché sta perdendo il suo tempo
li' davanti a te a discutere di niente (torna al punto 3 per il significato della parole niente).

6) OK: Questa e' una delle parole più pericolose che una donna può
dire a un uomo. Significa che ha bisogno di pensare a lungo prima di
decidere come e quando fartela pagare.

7) GRAZIE: Una donna ti ringrazia; non fare domande o non svenire;
vuole solo ringraziarti (vorrei qui aggiungere una piccola clausola -e' vero a meno che non dica 'grazie mille' che e' PURO sarcasmo e non ti sta ringraziando. NON RISPONDERE non c'e' di che perché cio' porterebbe a un: quello che vuoi.

8) QUELLO CHE VUOI: e' il modo della donna per dire vai a fare in ***o.
9) NON TI PREOCCUPARE FACCIO IO: un'altra affermazione pericolosa;
significa che una donna ha chiesto a un uomo di fare qualcosa
svariate volte ma adesso lo sta facendo lei. Questo porterà l'uomo a
chiedere: 'Cosa c'e' che non va?'
Per la riposta della donna fai riferimento al punto 3.

Sorprendentemente, a causa delle pressioni ricevute da gruppi di femministe, la Guinness è
stata obbligata a pubblicare una versione esclusivamente femminile del libro dei Primati. Di
seguito trovate alcuni estratti dall'edizione del 2002:
-PARCHEGGIO
Il + piccolo spazio lungo il marciapiede nel quale una donna sia riuscita a parcheggiare in
retromarcia è di 19.36 metri, equivalente a tre spazi di parcheggio standard. Record stabilito dalla
sig.ra Elisabetta Settimi alla guida di una Fiat Panda 750 non modificata il giorno 12 ottobre 1993.
La donna ha iniziato la manovra alle 11:15 a Pontecagnano di Sotto ed ha parcheggiato con
successo a 92 centimetri dal marciapiede 8 ore e 14 minuti + tardi. I giudici hanno registrato delle
ammaccature sui paraurti frontale e posteriore e su quelli delle due macchine vicine, così come la
vetrina di un negozio infranta e due pali della luce divelti.
-CONFUSIONE DA FILM
Il tempo + lungo in cui una donna ha guardato un film col marito senza chiedere qualche domanda
stupida sulla trama fu registrato il 28 di ottobre del 1997, quando la sig.ra Bruna Capuozzo si è
seduta con il marito x vedere "La Cruna dell'Ago". Ha visto il film in silenzio x ben 2 minuti e 40
secondi prima di chiedere: "E' il buono o il cattivo quello con gli occhiali?". Con questo tempo ha
infranto il suo precedente record stabilito nel 1982 quando sedette in silenzio x 2 minuti e 38
secondi durante la proiezione de "Il Giorno + Lungo" prima di chiedere: "E' un film di guerra,
vero?".
-GUIDA IMPROPRIA
Il + lungo tragitto in automobile compiuto con il freno a mano tirato è stato quello di 414 km da
Frosinone a Pisa dalla dott.sa Chiara Montero al volante della sua Saab 900 il 2 aprile del 1987. La
dott.sa Montero annusò con certezza del fumo all'altezza di Cassino ma proseguì spedita fino a Pisa
con le ruote posteriori fumanti. Questo tragitto detiene anche il record del viaggio + lungo con l'aria
tirata e con l'indicatore di direzione destro lampeggiante.
-MASSACRO ALL'APERTURA DEI SALDI
Il + alto numero di donne perite durante l'apertura dei saldi presso un grande magazzino è di 98. E'
accaduto nella città di Modena il 12 febbraio 1991. All'apertura delle saracinesche alle ore 9:30 la
folla scatenata all'ingresso ha travolto e ucciso 16 donne e altre 25 sono morte all'arrivo ai primi
scaffali. Una rissa iniziata tra 7 donne x un tailleur blu ha visto l'escalation in una lotta all'ultimo
colpo in cui hanno perso la vita altre 18 donne. L'incasso della giornata è stato
devoluto in favore dei parenti delle vittime.
-PETTEGOLEZZO
Il 18 febbraio del 1992, Enrica Bianchini, amica intima di tale Luisa Ciccotti si presentò a casa di
quest'ultima x una visita di cortesia nel corso della quale la sig.na Ciccotti le rivelò, in stretta
confidenza, che stava avendo una relazione extra-coniugale con il macellaio. Dopo che la signora
Bianchini aveva lasciato la casa dell'amica alle ore 14:10 incominciò a raccontarlo a tutti, facendosi
giurare di mantenere il segreto. Alle 14:30 già 128 persone conoscevano i fatti. X le 14:50 il
numero era salito a 372 e x le 16:00 del pomeriggio stesso 2.774 persone erano a conoscenza di tutti
i particolari, compreso l'intero Centro Anziani, un paio di circoli ricreativi, alcuni turisti americani e
la moglie del macellaio. Quando la sig.na Bianchini andò a letto alle ore 23:55 quella notte la
relazione della sig.ra Ciccotti era a conoscenza di ben 75.338 persone, abbastanza da riempire lo
Stadio Olimpico.
-GITA DI GRUPPO ALLA TOILETTE
Il record x il maggior numero di donne ad entrare in una toilette simultaneamente è detenuto dalle
impiegate di un Ministero. Durante la festa x gli auguri di Natale la sig.ra Annibaldi entrò nella
toilette seguita da 146 colleghe. Muovendosi come una massa unica, il gruppo entrò nella toilette
alle 9:52 x poi uscirne, dopo che tutte avevano finito i loro bisogni, ben 2 ore e 37 minuti dopo.
-FRASE PRONUNCIATA CON UN UNICO RESPIRO
Una giovane donna è stata la prima a superare la barriera dei 30 minuti di parlato senza mai
prendere il respiro. La sig.na Santucci, 25 anni, di Rieti ha infranto il precedente record di 23 minuti
mentre entusiasticamente raccontava della sua vacanza in Olanda agli amici. Ha raccontato i suoi
aneddoti x uno strabiliante tempo di 32 minuti e 12 secondi senza mai prendere fiato prima di
diventare blu e collassare x terra in preda agli spasmi. E' stata trasportata al locale pronto soccorso x
poi essere dimessa dopo un breve controllo. Nel momento di massima loquacità raggiunse
l'incredibile velocità di 680 parole al minuto, riuscendo a ripetere gli stessi aneddoti x ben 114 volte
mentre i suoi amici continuavano inebetiti ad annuire. L'ultima parte del racconto è stata espressa da
una flebile voce mentre gli ultimi due minuti sono stati solo di movimenti labiali accompagnati da
un gesticolare vigoroso.

Login Form

2020  Pc-Underground  globbers joomla templates